La sorgente d’acqua ferruginosa
Loc. Fessure (Zanoni Alto)

“Prato di Sopralacroce possiede un tesoro inestimabile: un’antica e famosa sorgente di ACQUA FERRUGINOSA – ACIDULA, che, per la sua composizione climatica, è assolutamente UNICA IN ITALIA.” Proprio così, avete letto bene, negli anni 30’ la sorgente dell’acqua ferruginosa era considerata un tesoro inestimabile e prezioso grazie alla sua composizione fisica di acido carbonico, carbonato di calcio, manganese, silicio e magnesio. Nel 1846, a Genova, si tenne un congresso di studiosi in cui la sorgente divenne oggetto di studi e ricerca. Da queste analisi vennero confermate ed esaltate le proprietà curative di quell’acqua. Nello stesso anno SOPRALACROCE VENNE ANCHE RICONOSCIUTA da scienziati e dal celebre PROFESSOR LUIGI DEVOTO come un luogo unico per il suo ALTO VALORE CLIMATICO E IDROLOGICO. Proprio per questo, Devoto affermò che “Per trovare una località come Sopralacroce, di mezza montagna, dal clima sedativo e ricostituente, con un’acqua acidulo-ferruginosa bisogna passare il confine (….) e L’individuo sofferente per insonnia, per anemia, per esaurimento, rapidamente si rinnova in questa località”. La prima persona che decise di usufruire e di sfruttare il valore “tonificante delle acque e dell’accertata salubrità del clima” fu proprio G.B. Prandina o meglio IL MEDICO DI GARIBALDI!!! Come è possibile immaginare con il passare degli anni la fama di Sopralacroce (considerata quindi come stazione climatica e idrologica) decadde e i motivi sono da ricercare sia “nelle disagevoli forme di comunicazione (strada mulattiera ripida percorribile da Borzonasca in circa due ore, ma solo a piedi o a cavallo), sia nella mutata moda che favoriva località (per la villeggiatura) fra i 1000 e i 1500 metri di altitudine, ANCHE SE IL VERO AMBIENTE PER LE MALATTIE NERVOSE E RESPIRATORIE ESIGE UN CLIMA DI MEDIA MONTAGNA (500-700m s.l.m) COME APPUNTO SOPRALACROCE. Altre analisi vennero effettuate nel 1968 dal Comune di Borzonasca ed infine nel 2014 per volere della Sig.ra Luisa Delma Ziacini e del Sig. Franco Repetto in cui è emerso che L’ACQUA E’ BATTERIOLOGICAMENTE PURA E MANTIENE LE PROPRIETA’ ORIGINARIE. Attualmente il bottino a pareti di cemento incastonato tra due rocce è stato chiuso per volere delle autorità competenti al fine di salvaguardarlo igienicamente. E’ comunque possibile prelevare e volendo assaggiare o bere l’acqua che fuorisce da un tubicino posto sul fondo dello sportello.

A tua disposizione gratuitamente in ogni appartamento, una guida dei luoghi e percorsi che Alice ti consiglierà.